Vai al contenuto
Home » NEWS » Arriva Meta Verified per le Aziende

Arriva Meta Verified per le Aziende

Meta ha annunciato l’espansione del programma Meta Verified. A partire dalle prossime settimane, le aziende potranno sottoscrivere l’abbonamento che consente di ottenere il badge blu di account verificato. Essendo un test, inizialmente riguarderà solo Facebook e Instagram in alcuni paesi, ma in futuro verrà esteso a WhatsApp Business.

Meta “copia” X

Dopo l’arrivo di Elon Musk, X ha introdotto il nuovo sistema di verifica che prevede l’abbonamento a X Premium (ex Twitter Blue) per gli utenti e Verified Organizations per le aziende. Meta ha quindi “copiato” l’idea con il programma Verified. La versione per i creatori di contenuti costa 12 dollari/mese (13,99 euro/mese in Italia). La somma raddoppia se l’utente vuole il badge blu sia su Facebook che su Instagram.

L’abbonamento per le aziende costa invece 21,99 dollari/mese per la pagina Facebook o l’account Instagram (27,99 dollari/mese tramite app Android e iOS). È possibile sottoscrivere un abbonamento combinato a 34,99 dollari/mese. L’obiettivo del programma è migliorare la visibilità dell’azienda e garantire agli utenti che l’azienda sia quella legittima (il badge aggiunto all’account Instagram apparirà anche su Threads).

Oltre al badge blu che verifica l’autenticità, l’abbonamento offre altri vantaggi: protezione contro le impersonificazioni (furto di identità), supporto e assistenza per la risoluzione dei problemi, maggiore visibilità (visualizzazione all’inizio dei risultati di ricerca e nei suggerimenti agli utenti). Su WhatsApp Business sarà possibile creare una pagina personalizzabile e rispondere contemporaneamente ai clienti da più dispositivi (fino a 10).

Per l’iscrizione al programma Verified devono essere rispettati alcuni requisiti. L’azienda deve avere un’attività minima su Facebook e Instagram, attivare l’autenticazione in due fattori e confermare l’autenticità tramite numero di telefono, email o dominio (ogni modifica successiva comporterà una nuova verifica).

Fonte: Punto Informatico

Please follow and like us:
Pin Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *