Vai al contenuto
Home » NEWS » Google eliminerà gli account inattivi. Cosa fare per impedirlo!

Google eliminerà gli account inattivi. Cosa fare per impedirlo!

Si tratta della cancellazione degli account non attivi da almeno due anni.

Sentiamo parlare spesso di come Google sia ormai al centro della User Experience con i suoi servizi e App che riguardano dispositivi Android e non solo, estendendo il suo raggio d’azione anche al mondo iPhone.
E proprio in termini generali arriva una novità importante.

La novità riguarda gli account Google inattivi, ovvero quegli account che per un certo periodo di tempo (per la precisione, due anni) non sono stati utilizzati in alcun modo.

L’aggiornamento delle policy

Finora Google ha adottato un approccio conservativo nei confronti degli account inattivi. Questi account infatti sono stati inclusi in account archiviati dopo un certo tempo di inattività. Google però ha appena aggiornato la politica che riguarda gli account inattivi, sovvertendo quanto valeva finora.

La nuova politica di Google infatti prevede che gli account inattivi verranno definitivamente cancellati da Google. Per cancellazione si intende che l’indirizzo email associato non sarà più funzionante, tutti i file associati all’account verranno cancellati dai server Google, così come verranno eliminati gli inviti sul Calendario.

Google ha riferito che verranno considerati inattivi tutti gli account che non sono stati usati e ai quali non è stato effettuato l’accesso da almeno due anni. Ha anche precisato che prima di procedere alla cancellazione definitiva verranno inviate più email di avvertimento all’indirizzo email associato all’account e all’eventuale indirizzo email di recupero.

La nuova politica di Google entrerà in vigore da Dicembre 2023. I primi account che verranno cancellati sono quelli che sono stati creati e mai utilizzati in maniera attiva. Poi si passerà agli account creati, utilizzati e poi abbandonati per almeno due anni.

L’account inattivo è poco sicuro

Il motivo, in poche parole, è che l’account inattivo è meno inattivo e poco sicuro: «Se un account non è stato utilizzato per un lungo periodo di tempo – ha spiegato Google – è più probabile che venga compromesso».

E ancora: «Questo perché gli account dimenticati o non presidiati spesso si basano su password vecchie o riutilizzate che potrebbero essere state compromesse, non hanno impostato l’autenticazione a due fattori e ricevono meno controlli di sicurezza da parte dell’utente».

Cosa fare per evitare la cancellazione dell’account Google

Basta effettuare l’accesso a un account per impedire la cancellazione.

Qui sotto trovate la lista di operazioni che riporteranno “in vita” il vostro account, evitandone l’eliminazione automatica:

  • Leggere o inviare un’email
  • Utilizzo di Google Drive
  • Guardare un video su YouTube
  • Download di una App sul Play Store
  • Utilizzo di Ricerca Google

Fonte: Smart World

Please follow and like us:
Pin Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *