Vai al contenuto
Home » NEWS » IT-ALERT: il nuovo sistema di allarme pubblico che mette la tecnologia al servizio della sicurezza

IT-ALERT: il nuovo sistema di allarme pubblico che mette la tecnologia al servizio della sicurezza

Al via il test del nuovo sistema di allarme pubblico

La Protezione Civile ha recentemente introdotto un innovativo sistema di allarme pubblico chiamato IT-Alert, che promette di rivoluzionare l’informazione diretta alla popolazione in caso di gravi emergenze o catastrofi imminenti o in corso, che dirama ai telefoni cellulari presenti in una determinata area geografica messaggi utili in caso di gravi emergenze o catastrofi imminenti o in corso.

Attualmente in fase di sperimentazione, IT-Alert rappresenta un importante passo avanti nella comunicazione di emergenza, sfruttando al meglio i dispositivi mobili.

Quando sarà pienamente operativo, il Servizio Nazionale della Protezione Civile integrerà IT-Alert con le modalità di informazione e comunicazione già esistenti, con l’obiettivo di favorire l’adozione tempestiva di misure di autoprotezione da parte della popolazione. Questo nuovo sistema non si sostituirà ai canali di allarme già presenti a livello locale, ma si affiancherà ad essi per garantire una comunicazione immediata e precisa sulle possibili situazioni di pericolo.

Come funziona?

Si tratta di un servizio pubblico che invia messaggi direttamente ai dispositivi mobili presenti nell’area interessata da un’emergenza. Utilizzando la tecnologia cell-broadcast, i messaggi possono essere inviati a un gruppo di celle telefoniche geograficamente vicine, delimitando così un’area corrispondente a quella interessata dall’emergenza. In questo modo, le persone potenzialmente coinvolte ricevono tempestivamente informazioni cruciali per minimizzare l’esposizione al pericolo.

Un aspetto fondamentale di IT-Alert è la sua conformità allo standard internazionale “Common Alerting Protocol” (CAP), garantendo così l’interoperabilità con altri sistemi di allerta e avvisi di emergenza, sia a livello nazionale che internazionale. Questo significa che il sistema può integrarsi senza problemi con le piattaforme di divulgazione esistenti, offrendo una maggiore efficacia nella diffusione delle informazioni di emergenza.

È importante sottolineare che non è necessario scaricare alcuna app per ricevere i messaggi IT-Alert. Tutti i dispositivi mobili collegati alle reti degli operatori di telefonia mobile, se accesi e attivi, possono ricevere direttamente i messaggi. Anche in situazioni di campo limitato o di saturazione della banda telefonica, il sistema continua a funzionare in modo affidabile.

Tuttavia, è essenziale tenere presente che i dispositivi mobili devono essere accesi e in possesso di un campo telefonico per ricevere i messaggi IT-Alert. Inoltre, potrebbe essere necessario verificare la configurazione del dispositivo, ad esempio dopo il ripristino di un backup o quando si utilizza una versione obsoleta del sistema operativo.

IT-Alert rappresenta un notevole passo in avanti nella gestione delle emergenze e nella protezione delle persone. Grazie a questo sistema innovativo, la popolazione potrà ricevere informazioni immediate e dettagliate sugli eventi calamitosi o imminenti, consentendo loro di adottare rapidamente le misure di autoprotezione necessarie.

La Protezione Civile si impegna a garantire la massima sicurezza per tutti i cittadini e IT-Alert è un esempio tangibile di come la tecnologia possa essere utilizzata per proteggere e informare in modo efficiente. Siamo certi che questo nuovo sistema rivoluzionerà il modo in cui la società affronta le emergenze e renderà il nostro paese un luogo più sicuro per tutti.

La Redazione

Please follow and like us:
Pin Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *